Perini (Lega): “Funzionario promosso senza motivi, a pagare i danni sono i livornesi”

Perini (Lega): "Le persone non sono pacchi, garantire dignità dei pazienti"
Il consigliere di opposizione: “Comune condannato a pagare 56mila euro”

‘Amministrazione ha promosso ingiustamente un dipendente al posto di un altro, violando i criteri previsti dalla legge. Un danno da 56 mila euro che pagheranno i cittadini. Infatti, anche se l’atto porta la firma di persone ben precise, il PD ha deciso che a risarcire il danno saranno i livornesi, invece, che il dirigente responsabile dell’illecito.

Con parole pesantissime il giudice ha condannato il Comune e accertato che la nomina non fu fatta secondo i criteri meritocratici previsti.

A pagina 4 della sentenza si legge che l’Amministrazione ha violato le «regole di buona fede e correttezza nella procedura selettiva». Andando oltre si legge che una parte della tesi difensiva del Comune «non corrisponde al vero». Infine – conclude il giudice – la motivazione della scelta, priva di qualsiasi fondamento, risulta essere «meramente apparente».

Non sappiamo, quindi, quali altri criteri di valutazione siano stati adottati; certo non «il curriculum, i requisiti culturali, la capacità professionale e l’esperienza maturata».

Davanti ad un giudizio così severo, si fatica a comprendere come questa promozione, ingiusta e priva di motivazione, possa essere frutto di un mero errore o della sbadataggine. Un atto marcatamente frutto di discrezionalità per il quale si dovrebbe essere chiamati a rispondere personalmente; eppure la maggioranza ha deciso di non chiamare in causa il dirigente che, a questo punto, sembra godere di una specie di immunità.”

Alessandro Perini

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.