Pedonalizzazione Borgo Cappuccini, idea Pd. Mirabelli: “BorgoLab come laboratorio di partecipazione”

I questi giorni tiene banco il dibattito sulla pedonalizzazione di una parte vitale del quartiere di Borgo Cappuccini. Il segretario del PD, Unione Comunale di Livorno, illustra la sua proposta: “Serve un confronto su basi nuove, partecipative, perché nessuna decisione è stata presa”.

Ecco l’intervento di Mirabelli:

Ho letto un grande attenzione il comunicato del comitato dei residenti e dei commercianti contro l’ipotesi di  pedonalizzazione di Borgo Cappuccini.

C’è una contraddizione di fondo tra il chiedere un dialogo aperto e pubblico  con le istituzioni e l’invito a disertare l’assemblea pubblica indetta dall’amministrazione comunale. 

Così il confronto rischia di esaurirsi.

Il dialogo si costruisce anche attraverso questi momenti che non escludono passaggi istituzionali.

L’invito che rivolgo ai residenti e ai commercianti è quello di partecipare, all’amministrazione comunale suggerisco di dare spazio e rappresentanza alle varie istanze sia nella modalità ” in presenza” che su “piattaforma”.

Sugli organi di informazione, oggi e nei mesi scorsi, si è affermato più volte che sulla pedonalizzazione sia già tutto deciso.

Anche in questo caso invito tutti ad andare a riascoltare i consigli comunali di questa estate e di settembre.

L’amministrazione comunale è sempre stata chiara.  Ha affermato piu’ volte che al termine della sperimentazione si sarebbe avviata una valutazione condivisa.  Noi, come Partito Democratico, abbiamo proposto di ascoltare i comitati,  il centro commerciale naturale,  le associazioni di categoria, l’associazionismo fortemente radicato nel quartiere.

L’assemblea pubblica serve a questo: ascoltare e decidere insieme.

Nulla è deciso e guardando i risultati della nostra indagine, effettuata nel mese di ottobre, possiamo già affermare che la pedonalizzazione serale, effettuata l’estate scorsa, non sia replicabile nelle medesime modalità.

Si è fatto inoltre riferimento a quanto previsto nel piano urbano della mobilità sostenibile (P.U.M.S.).

Nel P.U.M.S. si ipotizzano più scenari non solo per Borgo Cappuccini  ma anche per altre zone. 

Ci preme ricordare che il P.U.M.S è uno strumento di strategico di programmazione che ha una visione decennale.  Uno strumento che può essere aggiornato in itinere e che per la sua attuazione si rendono necessari successivi atti che dovranno essere licenziati dell’amministrazione comunale.

Chi afferma che con l’approvazione del P.U.M.S. si procederà, in automatico, alla pedonalizzazione dell’area, afferma il falso. 

Noi proponiamo di fare riavviare il confronto su basi nuove. 

Dobbiamo ripartire dalla partecipazione, sperimentando nuovi strumenti di aggregazione. 

BorgoLab (laboratorio di partecipazione) può essere uno spazio dove unire il quartiere, oltre un singolo tratto di strada, e renderlo protagonista del proprio cambiamento; dove è possibile discutere e ridisegnare la specifica e originale identità tra passato, presente e le future trasformazioni come la Porta a Mare e il porto turistico”.

Federico MirabelliSegretario Partito Democratico Unione Comunale Livorno

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.