Maltempo, codice giallo per rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore dalle ore 18 di oggi 31 dicembre alle 23.59 di domani 1 gennaio 2021

Temporali, scatta allerta meteo gialla

Il Centro funzionale di Monitoraggio meteorologico della Regione ha aggiornato le valutazioni di criticità riguardanti il territorio della Toscana. Il bollettino emesso alle ore 12.43 di giovedì 31 dicembre, indica codice giallo per rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore dalle ore 18 di giovedì 31 dicembre alle 23.59 di venerdì 1 gennaio 2021.

Il meteo relativo alla Toscana prevede per giovedì, precipitazioni sulle zone settentrionali a partire dal tardo pomeriggio-sera con cumulati poco abbondanti o localmente abbondanti in particolare sui rilievi, possibili anche rovesci o isolati e brevi temporali di moderatai ntensità.
Possibilità di locali temporali sulle zone di nord-ovest in serata.
Venerdì, piogge sparse su gran parte della regione, più forti e abbondanti sulla costa e Arcipelago (possibili rovesci o brevi temporali di moderata-forte intensità) con cumulati fino ad abbondanti sulla costa e poco abbondanti sulle zone interne. Intensità localmente anche forte sulla costa.
Possibilità di locali temporali lungo la costa e in Arcipelago. 

I CONSIGLI DELLA PROTEZIONE CIVILE
In caso di avvisi di criticità o di allerte meteo, si consiglia ai cittadini di alzare il livello della normale prudenza e di seguire le indicazioni fornite dalla Protezione civile del Comune, i canali informativi sulla viabilità e l’evoluzione delle condizioni meteo tramite radio, TV, siti web istituzionali, e di osservare i seguenti accorgimenti:
Come comportarsi in caso di forti piogge
Evitare l’attraversamento di strade inondate e sottopassi qualora appaiano allagati in quanto la profondità e la velocità dell’acqua potrebbero essere maggiori di quanto non appaia.
La forza della precipitazione potrebbe far uscire dalla loro sede i tappi dei tombini: fare attenzione alla circolazione anche in strade poco allagate.
Prestare attenzione a percorrere le strade dove l’acqua si è ritirata perché potrebbero esserci pericoli.
Evitare di transitare o sostare lungo gli argini dei corsi d’acqua, e sopra ponti e passerelle.
Porre delle barriere per evitare che l’acqua possa allagare locali posti sotto il livello stradale, come cantine e box sotterranei.

Foto:pixabay

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.