Covid, buoni alimentari per 800mila euro a 4000 famiglie

Covid, buoni alimentari per 800mila euro a 4000 famiglie

A breve il bando per l’assegnazione per i buoni alimentari a sostegno delle famiglie colpite dall’emergenza Covid

Ammonta a oltre 800 mila euro la cifra per gli aiuti alimentari destinata dal Governo alla città di Livorno per il protrarsi dell’emergenza sanitaria Covid-19. Una somma che sarà erogata ai nuclei familiari in difficoltà per la pandemia.

Sulla base del lavoro svolto nella primavera scorsa in Comune è già partita l’organizzazione per distribuire in maniera tempestiva e veloce i buoni spesa ad una platea che sarà di quasi 4000 famiglie, e che saranno assegnati sulla base di un bando che sarà pronto e pubblicato nel giro di pochi giorni.

I dipendenti comunali stanno intanto provvedendo a stampare, punzonare, imbustare, circa 27mila buoni: un’operazione per la quale è stata allestita una vera e propria “catena di montaggio” per arrivare alla conclusione nei tempi più brevi possibili, come già avvenuto durante il lockdown di primavera.

Sulla scorta dell’esperienza di marzo, come detto, è in corso di ultimazione il bando per la graduatoria di assegnazione che punta ad aiutare i nuclei familiari che hanno redditi bassi o che hanno visto diminuire sensibilmente le loro entrate a causa della pandemia.

I buoni saranno inviati direttamente a casa evitando file e assembramenti per il ritiro. Sarà inoltre pronto a breve il bando rivolto ai negozi e supermercati cittadini. I buoni potranno essere spesi negli esercizi che aderiranno alla richiesta del Comune.

“I buoni – chiarisce il sindaco Luca Salvetti – derivano da un fondo dello Stato ma l’Amministrazione locale ha il dovere di strutturare l’assegnazione e la consegna nella maniera più efficiente e spedita possibile. I buoni saranno disponibili nel periodo pre-natalizio in modo da consentire la spesa prima delle feste. Per le famiglie sarà un contributo importante così come lo sarà per il sistema del commercio che in poche settimane vedrà messo in circolo quasi un milione di euro”.

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.