Pioggia. Poesia di una nostra lettrice

Pioggia

Vennero infine le nuvole
fiocchi bianchi
di neve su monti lontani
spume iridescenti
di nebbie delle pianure


Vennero le nuvole
sul mare di profondo blu
il sole rosso tramontava
e le nubi si adagiavano
sul liquido orizzonte


Nubi di pioggia rappresa
scivolarono nella sera
sulle colline e sopra la città
sfiorarono i palazzi polverosi

e finalmente piovve

Finì l’estate limacciosa
di umidità perenne
di sole sospeso
su alberi prosciugati
su amori e desideri corrosi
come sogni mai realizzati

In foto: l’autrice Sig.ra Eliana

Pubblicità

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Sembra di vederle, come in quadro a che prende anima, le nuvole, dalla Corsica a Montenero ed oltre, in un giorno sospeso tra estate ed inverno … Non afa né tempesta, e neppure di queste il presagio, infine.